Contattami
1000 caratteri rimanenti
Aggiungi file

Cardellino alimentazione con estrusi

Alimentazione cardellino con estrusi

Racconto la mia personale esperienza con lo scopo che possa aiutare qualcuno a considerare questa soluzione per il bene e la salute dei Cardellini. In passano ho visto morire parecchi cardellini in cattività per svariate presunte problematiche di salute delle quali non sono mai riuscito a capire le cause. Ho avuto soggetti  con poco appetito, con piumaggio quasi sempre leggermente arruffato e poca vitalità, per non parlare di mute incomplete etc.. Non voglio addentrarmi in problematiche che vanno oltre l’alimentazione vera e propria, che ritengo sia una delle principali cause di morte dei Cardellini in cattività. Partiamo dal misto semi che troviamo in commercio,  già pronto e specifico per cardellini: oppure  da una miscela consigliata da un amico o addirittura composta da noi stessi mettendo insieme e bilanciando ogni singolo seme. Con il tempo però ci accorgiamo che alcuni semi sono più apprezzati di altri e vengono consumati prima. Del resto se ci mettiamo anche noi davanti ad un buffet  imbandito di prelibatezze ci tuffiamo subito sulle cose che ci piacciono. Ritornando ai semi, dobbiamo “forzare” e abituare i soggetti a mangiare tutto, cioè ha fargli svuotare completamente la mangiatoia prima di riempirla, tutto ciò li può stressare. Se poi riflettiamo sulla qualità di semi, non sappiamo mai  la provenienza o come sono stati stoccati dalle aziende importatrici o rivenditori, per non parlare della coltivazione.

Ma a tutto questo esiste un’alternativa? Si!  Gli estrusi.

Oggi parecchie Aziende propongono questo tipo di alimento con svariate composizioni. Personalmente credo che molti  di questi siano privi di test sugli uccelli, questo è solo un mio personale parere che resta tale. L’unico prodotto che trovo valido con cui alimento con successo i miei cardellini è il  C15. Non voglio fare pubblicità a nessuna azienda, poiché credo non né abbiano bisogno. Per me è il prodotto principe in questo momento. I vantaggi sono innumerevoli: La grandissima soddisfazione di vedere gli uccelli in perfetta forma ogni giorno, non c’è scarto e gli uccelli possono sceglie soltanto il colore dell’alimento ma non il suo nutrimento, la consistenza delle feci, non sono liquide sul fondo della gabbia, l’odore stesso è ridotto di molto quasi inesistente, per non parlare del soffiare i semi per eliminare lo scarto con conseguente sporco del locale.

Il C15 è un alimento base di mantenimento. Io quest’anno lo userò anche per la riproduzione integrando ovviamente pastoncino, semi germinati, verdure etc. con parsimonia prima dell’allevamento e a volontà dopo la nascita dei pulli. Un ultima cosa che voglio dire, il passaggio dai semi tradizionali agli estrusi è possibile e senza particolari intoppi, tutti gli uccelli si sono abituati alla nuova alimentazione,  chi prima e chi qualche giorno dopo. Si deve incominciare a mettere nelle mangiatoie insieme al misto semi un pò di alimento estruso per farlo conoscere come alimento, per poi passare completamente ad alimentarli con essi. Tanti allevatori nascondono o non danno  informazioni sulla conduzione del  loro allevamento, io personalmente ho chiesto delle cose ad alcune persone  senza mai aver avuto risposte. Io stesso ero titubante nel condividere questa mia esperienza,  ma  l’amore e la passione che nutro per il Cardellino mi ha spinto a farlo.

Su internet troverete tutte le informazioni necessarie, dalla casa produttrice, ad uno schema scientificamente testato di passaggio agli estrusi, nonché  tutta una serie di domande e risposte che ognuno di noi potrebbe farsi.

 

 

Catturare gli uccelli in natura è indice di inciviltà  dove nessuno  può sentire il diritto di poterlo fare.